pioggia

Quand’ero piccola, in campeggio, i giorni di pioggia li capivi appena sveglia, dal profumo, ancora prima di aprire gli occhi. Era odore bagnato di aghi di pino e terra fresca, che insieme al profumo del mare faceva girare la testa e riempire la pancia di novità.

Poi toccava una mattina di giochi di carte, compiti, letture, sognando la spiaggia. E piedi sporchi di aghi di pino e sabbia umida, dentro gli zoccoli di legno: l’alluce che scivolava su e giù a godere del contatto con il legno liscio, una cosa tutta diversa dalla sensazione polverosa e asciutta che davano di solito  le uniche calzature contemplate in quel contesto.

Passata la pioggia, era bello camminare sulla sabbia compatta e fredda e respirare quel che restava del brutto tempo, prima che il sole ne cancellasse le tracce.

3 thoughts on “pioggia

  1. a me della pioggia in campeggio piaceva anche il suono, soprattutto quello dei temporali sopra le tende e le verande. Quando ero piccolina me ne stavo nella tenda di miei, una di quelle vecchie, enormi, e mi sentivo stranamente al sicuro sentendo tutto quello scrosciare sopra di me,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...