un argomento scomodo di cui ho urgenza di parlare

Io sono quella che il più delle volte esce di casa conciata come una zingara, che si trucca come capita e qualche volta non si trucca affatto, più che altro per pigrizia; che si depila con dei contorsionismi degni del Circo Togni con un silk épil degli anni novanta e va dal parrucchiere quando proprio non ne può più fare a meno; che le rare volte in cui si mette lo smalto alle unghie poi lo smalto decide di andarsene di sua spontanea volontà perchè sa che è inutile aspettarsi quella che sarebbe una logica passata di acetone.

La mia discreta sciatteria, di cui non mi faccio un vanto ma che ritengo una peculiarità innata e difficilmente superabile alla mia età, mi porta a riconoscere e studiare con una certa curiosità antropologica le donne sempre curate nei minimi dettagli, quelle che probabilmente sono affezionate alla loro estetista più che alla loro mamma; che non saprai mai se hanno i capelli lisci o ricci perché escono solo se perfettamente piastrate; che non capisci se stanno andando a fare la spesa alla coop o se stanno correndo a fare un servizio fotografico per Vogue.

Quello che non capisco (e qui vengo al dunque) è perché nessuno spiega a queste donne (non tutte ma tante, troppe) il problema delle sopracciglia.

Le sopracciglia sono come gli occhi, o il naso, o la bocca: secondo me ognuno deve avere le sue. Si possono, all’occorrenza, sfoltire, riordinare, armonizzare con colpi di pinzetta o filo o microceretta (professionali o fai da te) ben assestati, mantenendo l’equilibrio con gli occhi e il viso, senza snaturarle.

La tendenza del momento invece è il sopracciglio universale-arcuato-assottigliato senza personalità alcuna, come se ad ogni faccia potesse adattarsi quello che sarà pure l’ideale canonico di perfezione soppraccigliare ma che risulta più falso di un disegno a pennarello su una bambola di plastica.

Io vi prego, donne di strabiliante disciplina estetica, donne senza ricrescita di pelo, donne dalla pelle di seta, dalle unghie sempre della lunghezza giusta e con la perfetta tonalità di smalto, dalla piega inappuntabile anche a ferragosto sotto il solleone o a novembre con il diluvio universale: chiedete alle vostre estetiste che vi lascino un ricordo delle vostre sopracciglia.

Così sembrerete almeno vere.

Annunci

6 thoughts on “un argomento scomodo di cui ho urgenza di parlare

  1. Anfatti… basta un tocco di Photoshop, via le sopracciglia, e anche le più gnocche e i più boni sembrano dei freaks!

  2. io qui vedo davvero delle righe tirate col pennarello, una roba che fa un senso…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...