siete voi che non capite

Intervistiamo per voi un personaggio chiave della vicenda che attanaglia l’opinione pubblica da un paio di giorni a questa parte. Essendo per chiari motivi sotto protezione lo chiameremo con lo pseudonimo La Talpa.

Signor Talpa, Lei è l’unico che sia a conoscenza di come si siano veramente svolti i fatti: vuole raccontarci com’è andata?

Ben volentieri: per amore di cronaca questo ed altro! Sono stato contattato direttamente dai servizi segreti: sa, avevano paura che gli americani arrivassero prima, quelli vogliono sempre arrivare prima: bastava che la CIA scoprisse qualcosa e con i mezzi che hanno loro ci avrebbero soffiato la scoperta. Era di vitale importanza che io rimanessi l’unica persona a sapere della cosa, infatti mi hanno detto: “Ci fidiamo solo di te. Devi fare un lavoro pulito e non parlarne con nessuno. Se hai bisogno di appoggiarti a qualche collega racconta una storia ma non fare parola del Progetto”. Io da parte mia ho cercato di fare poche domande, ho chiesto solo le informazioni essenziali: loro mi han detto che mi avrebbero portato con un aereo militare sul luogo dove doveva aver inizio la missione. Mi hanno dato le coordinate: 46°14′03″N 6°03′10″E

Ho cominciato da lì. Mi hanno detto che ci saremmo rivisti dopo un certo periodo in un altro posto, solo a quel punto mi avrebbero pagato per il mio servizio. Anche di quest’altro luogo mi han dato solo la collocazione geografica: 42° 30′ 26,64” N 13° 39′ 28,08” E

Posso chiederLe qual è stato il compenso per la missione?

45 milioni.

Apperò!

Guardi, in queste cose la professionalità è importante. Mica ci si può fidare  del primo venuto: io, modestamente, conosco il mio mestiere, e mi faccio pagare di conseguenza. Poi è anche vero che la galleria ha un diametro di pochi centimetri ma ha visto quanto è lunga? Dispiace che la gente non abbia capito, che quei quattro comunisti che popolano l’internet abbiano fatto della facile ironia: provateci voi, vorrei dire, a scavare per tutti quei chilometri: mi sono anche rotto tutte le unghie.

Non se la prenda così. Lei ha fatto grandi cose per il progresso scientifico in questo Paese. Deve esserne fiero.

Ecco, glielo dica, a quelli dell’internet.

2 thoughts on “siete voi che non capite

  1. 🙂 Bello!!!
    Ho fatto due ragionamenti:
    1) si è fatto pagare davvero troppo poco
    2) sotto casa mia c’è un tunnel; chiederò soldi per il diritto di passaggio (delle particelle)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...