appropriazioni indebite

Alle elementari una volta, per sbaglio, mi son tenuta un libro della biblioteca della scuola: provo ancora un vago senso di colpa, al ricordo. Non ho mai avuto il coraggio di restituirlo finché è passato troppo tempo per tornare indietro e quello che era un prestito si è trasformato in un furto.

Quest’anno mio figlio ha fatto la quinta elementare e qualche giorno dopo la fine della scuola ci siamo accorti di avere ancora a casa un libro che lui aveva preso in prestito e che io avrei dovuto aggiustare perché perdeva le pagine. Poiché è noto a tutti che il ciabattino (calzolaio/scarparo, non so come dite voi) gira con le scarpe rotte, è evidente che per analogia il figlio della restauratrice si tiene i libri scassati.
Infatti il libro in questione è ancora qui, in attesa di una sistematina, e chissà mai se (una volta, forse, magari, trovando il tempo e la voglia: rimesso in sesto) poi avremo la faccia tosta di bussare a scuola per restituirlo.

2 thoughts on “appropriazioni indebite

  1. ma lo sai che è successo anche a me,
    non a mio figlio, figurati!!!
    presi un libro e mi dimenticai di restituirlo!!!😦

  2. L’esperienza mi insegna che non è mai troppo tardi per essere “coraggiosi” e arrivare a “confessare” un difetto o un errore.
    L’onestà è sempre vincente… anche se non apprezzata e non più di moda.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...