Mi ricordo la sorpresa

Un regalo inatteso, una lettera che non ti aspetti, una telefonata in un giorno qualunque: anche adesso amo le sorprese, penso che sia perché da piccola sono loro che mi hanno aperto le frontiere del godimento puro.

Mi ricordo la sorpresa di lenzuola fresche sotto al copriletto, profumo di bucato, lo scrocchiare del tessuto appena stirato, senza grinze, che si stropicciava sotto al mio primo sonno. Allungare i piedi fino in fondo al letto per regalare alla pelle la scivolata di cotone intonso, un momento che durava il tempo di scaldare il letto, che poi non era già più nuovo.

Una delle meraviglie dell’infanzia che stranamente non si è persa nella memoria, nonostante sia una sensazione che non provo più, da tanto.
Adesso sono io che le cambio, le lenzuola: non son capace di sorprendermi da sola.

6 thoughts on “Mi ricordo la sorpresa

  1. Ci saranno altre cose che ti sorprendono.
    In ogni caso, quel ricordo d’infanzia, sicuramente ti farà ricordare altre cose collegate che avevi dimenticato. Molto bello.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...