contro l’uso del decespugliatore per le mimose

Io credo che non abbiamo bisogno, di farci regalare un ramo di mimosa moribondo; ché le mimose son delle bellissime piante, ma a me fa una tristezza, ma una tristezza, pensare alla devastazione degli alberi di mimosa, che mi dico che davvero, se proprio si deve , che sia una pianta intera, con le sue radici e tutto. Ma poi anche quello, col clima che c’è qui, una pianta di mimosa farebbe una brutta fine. E allora neanche di questo , c’è bisogno.

Poi, pensavo, è molto bello che un uomo ci faccia gli auguri, che ci faccia sapere quanto è bello averci intorno (a me fa piacere, e per inciso ho apprezzato tantissimo che ieri, che non era nemmeno l’otto marzo ma il sette e quindi in linea teorica non ci sarebbe stato bisogno, ho apprezzato tantissimo che mio marito senza dir niente e senza aspettarsi di essere ringraziato ha pulito per bene tutta la cucina che onestamente era in uno stato pietoso; lo trovo un perfetto segno di parificazione e quindi a me personalmente fa più piacere anche di una mimosa in vaso con le radici, anche se è venuto così, il sette, mi piace uguale, anzi forse anche un pelo di più, vista la spontaneità del gesto), è molto bello dicevo che gli uomini l’otto marzo pensino alle loro figlie, madri, mogli, amanti e intimamente – penso che succeda, per quello in genere si inventano le ricorrenze – le guardino per un giorno con altri occhi. Però quello che mi piace, a voi non so: a me piace guardarle io con altri occhi tutte queste donne, e magari anche me stessa.

Allora ieri che stavo lavorando da sola pensavo tra me e me che l’ultimo anno mi ha portato in regalo delle amiche. Io forse non ci pensavo più che la vita potesse riservare dei regali così, come delle amiche nuove. Che forse ne ho avute poche, nella mia vita, di amiche. E queste amiche oggi le penso e le guardo, e son così varie e variopinte nel loro modo di vedere la vita e l’amore e il sesso e la famiglia, che prese tutte insieme sono una bella fotografia della donna di oggi. Che ricopre ruoli vecchi e nuovi, e statici e in movimento, e vuole dei figli ma anche no, e cerca un uomo ma sta anche bene da sola, e lavora perché deve ma anche perché vuole, e le piace cucinare oppure le fa schifo ma a mangiare in compagnia raramente dice di no, e certe volte è infedele e qualche volta è tradita e ogni volta comunque, lei,  si chiede perché; una donna che insomma sarebbe difficile da descrivere con un solo accento, e infatti le mie amiche parlano una lingua di tante cadenze e aprono e chiudono le vocali in tutti i modi possibili, e sorridono e consolano ognuna a modo suo.

A loro, per gli abbracci e le parole, ogni giorno, e anche oggi, grazie

6 thoughts on “contro l’uso del decespugliatore per le mimose

  1. Hai proprio ragione sono un dono prezioso.
    E come ti sarai già accorta la cosa straodinaria à che le guardi e le ascolti ogni giorno come in un giorno di festa.
    Auguri alle amiche!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...