avresti mica un maalox?

E’ successo un venerdì, me lo ricordo. Come molte persone che sono abituate a lavorare in solitudine, ascoltavo la radio.
Ora, diciamo la verità: la musica alla radio fa quasi sempre schifo, infatti io la radio l’ascolto per le parole. Niente di culturalmente elevato, beninteso (niente radio3, per dire) ma nemmeno di commercialmente infimo (tipo radio deejay, che mi vengono i brividi solo a pensarci). Una via di mezzo, diciamo: programmi di chiacchiere tra il serio e il faceto – spesso più faceto che serio – inframmezzati da musica abbastanza banale, quasi sempre.
Ecco che quel venerdì, a qualche ora della mattina durante un programma qualunque, mi si rizzano le antenne quando partono le prime note di – udite, udite – Harvest (1972, credo).

Sulle prime penso di sbagliarmi (in effetti Harvest non passa alla radio da trent’anni e anch’io, in effetti, credo di non ascoltarla da almeno venti), poi la capriola inequivocabile del mio stomaco mi costringe ad ammettere che ho ragione, che la canzone è quella lì. Un attimo in cui cose dimenticate frullano da un angolo di memoria spigolosa, poi passa.

Neanche mezz’ora e il compilatore misterioso di playlist mi piazza la seconda stoccata sotto forma di Pink Floyd (Money, non mi chiedete l’età che non la so). Comincio a preoccuparmi. Vorrà dirmi qualcosa? Alle prese con una palla di lavoro di veline e adesivi vedo il mio dentro e il mio fuori che irrimediabilmente si scollano: la pancia ribolle in un corpo apparentemente quieto.

Il tempo di dare una calmata ai ricordi, tra una chiacchiera e una scemenza,  e il compilatore nostalgico tira fuori dal cappello un altro coniglio: Jim Kerr in forma smagliante attacca Up on the catwalk come se niente fosse e stavolta più che una capriola mi sembra che sia un triplo avanti carpiato. Roba da uccidersi dallo spleen.

Io non lo so, cosa gli sia preso, al compilatore, quel venerdì. Certo che ce ne vuole per infilarne tre su tre che sembrano fatte apposta per creare vortici gastrici. Potevano venirgli in mente, che so, i Doors, Cat Stevens, i Rolling Stones (e qui ci vorrebbe l‘analista che non ho per capire come mi siano venuti in mente, questi). Tutta gente che mi avrebbe fatto l’effetto di una camomilla, una pasticchetta di valeriana, una tisana di zenzero.

Tutto sommato però è meglio così: non è mai morto nessuno per un po’ di mal di pancia, no?

 

 

About these ads
6 commenti
  1. splendidiquarantenni ha detto:

    Money è del 1973. Da The dark side of the moon. L’ha scritta Roger Waters.
    Comunque Angie o Light my fire a me intorcolano le budella uguale, credimi.

  2. chiaratizian ha detto:

    A me no, invece. Per niente :-)

  3. splendidiquarantenni ha detto:

    ah no, allora senti questa versione

  4. massimo ha detto:

    io, in questo momento, sto ascoltanto radio2.
    Sembra farlo apposta, eppure è successa questa strana coincidenza. Mentre leggevo le tue parole che parlavano di Harvest, è partita una cover di Helpless fatta da non so chi, ma davvero splendida.
    Non so, mi sembrava una coincidenza bella da condividere. :)

    (adesso spengo la radio e metto il cd di The last waltz, per ascoltare la versione di Neil Young con Joni Mitchell)

  5. anch’io ascolto perennemente radio2. Ogni tanto capitano quei regali lì, in mezzo a una marea di musica inutile. Bello, no?

  6. massimo ha detto:

    beh, un po’ dovevo immaginarlo, visti i tuoi post su M’illumino di meno.
    questo mi spiega anche perché non ascolti Deejay: perché per un caterascoltatore, Radio Deejay è IL MALE. ;D

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 45 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: